jump to navigation

Fermate il test sul Big Bang o la terra sparirà settembre 3, 2008

Posted by 2012sos in Scienza, Teorie.
Tags: ,
trackback

Scritto da Sirius_Cily var sburl2552 = window.location.href; var sbtitle2552 = document.title;

Su segnalazione di Matteo Carello

LONDRA – Per gli studiosi che si apprestano a spingere il pulsante d’accensione, si tratta di ricreare le condizioni che esistevano una frazione di secondo dopo il Big Bang: ovvero di riportarci indietro nel tempo sino al momento della creazione del nostro universo, all’inizio del mondo.

Ma per un gruppo di preoccupati ricercatori l’esperimento che dovrebbe cominciare tra dieci giorni in un immenso laboratorio sotterraneo, sepolto a un centinaio di metri sotto il confine tra Francia e Svizzera, comporta il rischio della fine del mondo, la distruzione e anzi la letterale scomparsa del nostro pianeta. Così, all’ultimo momento, gli oppositori del progetto hanno presentato un ricorso davanti alla Corte Europea dei Diritti Umani, che in teoria potrebbe bloccare il più grande, ambizioso e costoso test scientifico di tutti i tempi.

Oggetto della contesa è il Large hadron collider, un acceleratore da 6 miliardi di euro che, facendo scontrare particelle atomiche ad alta velocità e generando temperature di più di un trilione di gradi centigradi, dovrebbe rivelare il segreto di come è cominciato l’universo. Venti paesi europei, più gli Stati Uniti, hanno finanziato il progetto, che dopo anni di preparativi dovrebbe prendere il via il 10 settembre al Centro di Ricerche Nucleari di Ginevra.

Qualcuno, tuttavia, teme che l’esperimento andrà ben oltre le aspettative, creando effettivamente un mini buco nero, che crescerà di dimensioni e potenza fino a risucchiare dentro di sé la terra, divorandola completamente nel giro di quattro anni. Gli scienziati di Ginevra ribattono che non c’è assolutamente nulla da temere: ci sono scarse possibilità che l’acceleratore formi un buco nero capace di porre una minaccia concreta al pianeta, dicono, perché la natura produce continuamente delle collisioni di energia più alte di quelle che saranno create artificialmente dall’acceleratore, per esempio quando i raggi cosmici colpiscono la terra. Esperimenti di questo tipo, inoltre, sono stati condotti per trent’anni, senza avere risucchiato nemmeno un pezzettino della terra né causato danni di qualsiasi genere.

Vero è che il nuovo acceleratore ha suscitato attenzioni e polemiche perché è il più grande mai costruito, con una circonferenza di 26 chilometri e la possibilità di lanciare particelle atomiche 11.245 volte al secondo prima di farle scontrare una contro l’altra a una temperatura 100mila volte più alta di quella che esiste al centro del sole. La speranza è individuare, così facendo, le teoriche particelle chiamate bosoni di Higgs, giudicate responsabili di avere dato massa, ovvero peso, a ogni altra particella esistente. Ma gli scienziati ammettono che ci vorranno anni prima di arrivare eventualmente a un risultato del genere, per le difficoltà nel trovare particelle così infinitesimamente piccole nel caos primordiale post-Big Bang creato dentro l’acceleratore.

Abbiamo ancora dieci giorni per salvare la terra?, si chiede, con leggera ironia, il Sunday Telegraph. “I miei calcoli indicano che il rischio che un buco nero mangi il pianeta a causa dell’esperimento è serio”, afferma il professor Otto Rossler, un chimico tedesco della Eberhard Karls University che ha presentato il ricorso alla Corte Europea dei Diritti Umani insieme ad alcuni colleghi. Replica James Gillies, portavoce del Centro Ricerche Nucleari di Ginevra: “Il ricorso non introduce nessun argomento che non sia già stato esaminato e respinto in passato, se questi esperimenti fossero rischiosi lo sapremmo già”.

In ogni caso lo sapremo con certezza dopo il 10 settembre, se la Corte Europea, come sembra di capire, darà luce verde all’iniziativa: che non sarà la “fine del mondo”, ma un po’ di curiosità al di fuori dei confini della scienza, in questo modo, l’ha ottenuta.

http://www.nibiru2012.it/content/view/285/1/

Fonte: www.repubblica.it

Annunci

Commenti»

1. Sirio - settembre 8, 2008

John Titor
L’uomo che venne dal Futuro

The 2 Microsingularity in The
Army Model GE- C204 Gravity Distortion Time Displacement Unit
Marzo 2034

Le basi per il Viaggio nel Tempo verranno gettate dopo questo esperimento.

2. piero - settembre 18, 2008

l’esperimento potrebbe essere utile anche per riuscire a trovare il gravitone ” la particella mediatrice priva di massa responsabile della trasmissione della gravita’ , cioe’ della distorsione della trama spazio temporale provocata dalla massa creata dall’oceano di higgs sulla materia in accelerazione ” se cosi’ fosse la teoria delle stringhe diventerebbe la nuova teoria del tutto perche’ sperimentabile “finalmente” oltre che a livello matematico anche in quello scientifico
sarebbe un importante traguardo per la fisica teorica.
Io non sono in grado di affermare se questo esperimento sia pericoloso o no ma penso che chi affermi che nella nostra atmosfera avvengano collisioni di portata maggiore di quelle previste nell’acceleratore, perche’ non studiare quelle ,per scoprire l’esistenza del bosone di higgs e del gravitone?

3. Michael Tim - febbraio 28, 2009

I love your site!

_____________________
Experiencing a slow PC recently? Fix it now!

4. Ettore7 - ottobre 20, 2010

avete visto in svizzera , sta’ sparendo una piccola parte di locarno dalle cartine e i marciapiedi si stanno consumando dagli esperimenti.
Avete visto tutti ??:
Visto cosa sta combinando l’esperimento del BUSONE ??!
Mamma mia che roba ., ho mi raccomando tra poco spariremmo tutti, sotto terra e saremmo inghiottiti da una grandissima passera ….


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: