jump to navigation

Presenza Aliena aprile 9, 2008

Posted by 2012sos in 2012, Alieni, Eventi, Profezie, Teorie.
Tags: , , , ,
trackback

Tutte le civiltà antiche stranamente, hanno in comune conoscenze che la nostra civiltà tecnologica non riesce a dare possibili spiegazioni, soprattutto considerando il tipo di società di quel tempo, esclusivamente rurale, per non dire primitiva. Allora, come è possibile che avessero conoscenze astrologiche superiori alle nostre. Inoltre, le antiche scritture, rivelano conoscenze astronomiche che ancora oggi, la scienza non è in grado di comprendere. Non trascurando, che fino ad ora quasi tutte le conoscenze da loro possedute sono state scoperte solo da qualche secolo. Com’ è possibile che loro conoscessero la mappa del nostro sistema solare addirittura migliaia di anni prima? Personalmente, ritengo che tali conoscenze siano state acquisite osservando quelli che loro consideravano Dei scesi dal cielo. Nessuna civiltà che praticasse il sacrificio umano avrebbe mai potuto conquistare tali conoscenze. Questo perchè chi compie sacrifici umani è inconfutabilmente una civiltà primitiva e barbara.

Quello che desidero sottolineare è che nessun popolo civile può immaginare che sacrificare giovani vite porti loro protezione è raccolti abbondanti.

Prendiamo ad esempio la civiltà Maya: tale civiltà, ha origini antichissime, i primi insediamenti risalgono al 1500 a.C. , e solo nel 300 a.C. , incominciarono a sviluppare vere e proprie città.
L’impero Maya era localizzato negli attuali territori del Veracruz, Campeche, Tabasco, Yucatán e Chiapas in Messico. La maggior parte del Guatemala e alcune aree del Belize e dell’Honduras.

Molto complesso, il calendario di questo popolo. Sicuramente il più accurato fra quelli conosciuti prima del calendario gregoriano.

calendario maya

L’anno, iniziava il 16 luglio, quando il sole attraversa lo zenit, e durava 365 giorni ed era suddiviso in 28 settimane di 13 giorni ciascuna. Tale calendario apparentemente può sembrare solo un modo diverso di contare il tempo, in realtà, cela una diversa conoscenza del nostro sistema solare, e soprattutto regolava il flusso degli eventi, sia presente che futuro. In altre parole si potrebbe affermate che la loro esistenza era determinata da ciò che il calendario indicava per il futuro. A tal punto che venivano messe in relazione tutti gli eventi trascorsi, in relazione ai movimenti celesti e tutte le conseguenze che questi movimenti celesti comportavano. Un concetto astrologico e sociologico messi insieme, per cui si credeva, “…a questi eventi ne conseguono questi altri “. Questi altri eventi sono di tipo umano, sociale, naturale. In questa concezione i Maya, si trovavano dentro al calendario. Vivevano il calendario, tant’é che non serviva per le date ma serviva per fare in modo che il popolo, soprattutto i capi politici e religiosi, si adeguassero e si preparassero agli eventi futuri, tanto che avevano previsto l’arrivo dei Spagnoli.

I Maya, non consideravano il movimento planetario così come lo consideriamo oggi, cioè una rotazione su se stessa della Terra che crea il giorno e una rotazione intorno al Sole che crea l’anno. Loro dicevano che ogni corpo celeste, ruotava insieme alla galassia, determinando una specie di era galattica.

L’era galattica, dura 25125 anni. Quindi, considerando che facevano partire la loro civiltà dal 3100 a.C. e sostenendo che sono la VI° civiltà, dato che prima di loro c’erano altre 5 civiltà, di conseguenza la nuova civiltà dovrebbe partire dopo il 2012, quindi tale evoluzione galattica dura 25125 anni circa. Se consideriamo, che la scienza ha scoperto che anche le galassie come ogni corpo celeste hanno un moto rotatorio, non possiamo che ammettere che i Maya ne sapevano più di noi già 3 mila anni fa. E quando hanno previsto l’arrivo degli spagnoli nel 1500, avevano anche previsto che, data la posizione dei pianeti e della galassia, si sarebbero trovati in una situazione disarmonica, che avrebbe comportato la loro disfatta. Cosa puntualmente avvenuta.

Alcuni studiosi indipendenti e non, affermano che al compimento dell’era galattica, che termina il 2012, la terra sarà sconvolta da terrificanti cataclismi…. tanto da mettere in forse la sopravvivenza dell’intera umanità. Io non sono tanto pessimista…… penso piuttosto ad un evento esterno e quindi al risorgere di una nuova era. Un nuovo inizio affinchè l’uomo sappia correggere i propri errori. Questo non perchè desidero essere ottimista a tutti i costi, in quanto sono consapevole che la terra, per un evento cosmico tra meno di un anno potrebbe essere disintegrata da un corpo celeste proveniente dallo spazio, per esempio pochi sanno che il 16 febbraio 2003 la cometa NEAT C/2002 V1 è passata dalla terra ad una distanza di circa 15 milioni di chilometri, che in termini astronomici è piuttosto vicino.

Gli elementi salienti sono che questa cometa è di dimensioni “planetarie”, essendo stimate il doppio di Plutone, e secondo un resoconto della BBC dovrebbe essere una di quelle ricorrenti, ripresentandosi ogni 37.000 anni. Quando è passata accanto al Sole, non si sapeva esattamente se la forza di gravità di quest’ultimo l’avrebbe attirata e fatta esplodere e fondere, o se sarebbe passata senza danni. Nel momento in cui NEAT si è avvicinata al Sole, si è verificata un’enorme vampata solare, con espulsione di massa coronale, che apparentemente ha raggiunto circa 8 milioni di chilometri!! Quindi potete anche immaginare perchè gli organi d’informazione non hanno dato tale notizia: naturalmente per non creare il panico tra la popolazione mondiale!!

Ritornando ai Maya, come tutte le antiche civiltà che hanno saputo edificare grandi magnificenze e che possedevano conoscenze a noi attualmente ignote, è stato possibile perchè visitate da entità extraterrestri. Tanto è vero, che quando videro giungere dal mare i velieri spagnoli…… in primo momento, pensarono che erano ritornati gli antichi Dei.

www.mistic.it

Annunci

Commenti»

1. emanuele - luglio 2, 2008

secondo me i maya ai loro tempi conobbero gli alieni, questi unltimi magari nel bel mezzo di un loro viaggio spaziale videro la terra e le forme di vita “intelligenti” di quel tempo.
a quel punto scesero e diedero all’uomo le conoscenze tali da spiegare la loro incredibile conoscenza dello spazio e del tempo.
ovviamente scesero sulla terra dove c’erano i maya.
a questo punto, sempre secondo me, gli alieni, dopo aver compreso il linguaggio umano, dotati di tecnologia avanzatissima, calcolarono che il loro prossimo passaggio qui sulla terra doveva avvenire quando i pianeti si allineavano ecc ecc….ovvero il 2012.
secondo me, l’evento che i maya “hanno previsto” è il nuovo passaggio degli alieni.
nel 2012.

2. roberta - luglio 7, 2008

A MIO PARERE gli “alieni” sarebbero i maya,insomma loro erano così inteligenti perchè erano anima e corpo con la natura..credevano in tente cose e forse videro anche loro antenati che gli diedero le risposte alle loro domande.(cioè i famosi alini)
io penso che la terra si sia riformata 1miliardo di volte una palla di fuoco una sfera ghiacciata e poi le prime cellule le prime civiltà..
questo secondo me è accaduto miliardi di volte..
così che i maya avvirtiti di ciò che succedeva si salvarono..ma come??
semplice..le civiltà prima di noi erano come noi..(in base al mio criterio, cioè che quello che viviamo ora altri prima di noi l’hanno già vissuti) quindi dopo migliaia di ere che passarono mentre noi eravamo a spaccare le pietre e scoprire il fuoco loro stava studiando ale tecnologie.dopo migliaia di anni che ingegnavano anno inventato le navette e chissà cos’altro..sono andati su pianeti in cui sapevano che potevano resistere e vivere.

3. mazzivr - luglio 8, 2008

secondo me nel 2012 esce un nuovo film di Spielberg…………

4. CrisTal*NinJa - luglio 12, 2008

Vorei sapere chi ti ha detto che quando i maya videro arrivare spagnoli pensarono che fossero di nuovo gli dei di ritorno…eri li?

5. am - febbraio 10, 2011

Vorrei sapere come fai a dire che i maya avessero conoscenze astronomiche superiori alle vostre. Capisco l’entusiasmo ma mi sembra del tutto un affermazione azzardata. Avevano ottime conoscenze, i popoli antichi osservavano la natura molto meglio di noi. Ma non credo sapessero molto sulle leggi fisiche moderne, suglio oggetti celesti(quasar buchi neri pulsar etc…) ne tantomeno sulle origini del cosmo. certo pensare che siano o siano stati indottrinati da alieni è una storia molto suggestiva. Ma rimane comunque quasi priva di prove e di validità scientifica.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: